Cosa sono le merci pericolose?

Le merci pericolose sono articoli o sostanze in grado di mettere significativamente a rischio la salute, la sicurezza, le cose o l’ambiente. Ci sono oltre 700 singole merci pericolose elencate all’interno delle normative sulle merci pericolose.

Quali regolamenti regolano il trasporto di merci pericolose?

Il trasporto di merci pericolose è soggetto a regolamenti modali che seguono le raccomandazioni del Comitato di esperti delle Nazioni Unite sul trasporto di merci pericolose (comunemente denominato “The Orange Book”). Le autorità competenti per i vari modi di trasporto disponibili sono:

  1. Organizzazione internazionale per l’aviazione civile per il trasporto aereo di merci pericolose,
  2. Organizzazione marittima internazionale per le merci pericolose via mare, e
  3. Guide normative ADR / RID per il trasporto di merci pericolose su strada e ferrovia attraverso l’Europa.

Ognuna di queste guide normative precisa la posizione legale e le responsabilità associate di un mittente.

Nonostante l’ICAO abbia prodotto le dichiarazioni normative per il trasporto di merci pericolose per via aerea, le guide più comunemente utilizzate sono prodotte dalla IATA (International Air Transport Association).

Quale è la prova che gli imballi soddisfano le normative sul trasporto?

Per ogni imballo approvato UN / ONU esiste un certificato di prova, che viene rilasciato da uno stato e dettaglia:

  • Il nome dell’organismo a cui viene rilasciata la certificazione (spesso questo è il produttore).
  • Il tipo di imballaggio – ad esempio 4G, 1A1 o 3H2.
  • Informazioni sul materiale; compreso il tipo di materiale utilizzato, ad esempio cartone ondulato o acciaio.
  • Qualsiasi metodo di chiusura, ad esempio nastro adesivo da 50 mm.
  • Se sono stati utilizzati imballaggi interni, quindi la quantità in essi contenuta.
  • I test di imballaggio applicati; test di caduta, test di impilamento, ecc…
  • I gruppi di imballaggio per i quali è approvato l’imballaggio – I, II o III.
  • Il marchio di omologazione UN / ONU.
  • Condizioni di rilascio (di solito si trovano sul retro del certificato).

Per rimanere conforme, l’imballaggio deve essere utilizzato esattamente come è stato testato e approvato.

Tutti gli imballi utilizzati per trasportare merci pericolose devono recare un marchio UN / ONU?

In poche parole, no. Non tutti gli imballaggi utilizzati per il trasporto di merci pericolose devono recare un marchio di omologazione ONU. Esistono alcuni imballaggi che non richiedono un marchio ONU ma devono comunque soddisfare una serie di requisiti, tra cui la capacità di superare vari test di imballaggio e la qualità del materiale utilizzato. Potrebbero anche richiedere imballaggi combinati, ma ciò non si applica a tutti gli imballaggi.

È possibile stabilire se una sostanza o materiale richiede l’imballaggio omologato ONU consultando le istruzioni di imballaggio per il numero ONU associato.

Cosa significano le marcature con un simbolo UN (Nazioni Unite)?

Una marcatura ONU identifica che un imballaggio è stato approvato secondo gli standard delle Nazioni Unite per il trasporto di merci pericolose su strada, mare e / o aria. Una marcatura ONU di solito è composta da una serie di numeri e lettere, che seguono direttamente un logo “UN”. Di seguito è riportato un esempio di marcatura ONU che verrebbe visualizzata su una scatola di cartone approvata, nota come imballo 4G.

Allo stesso modo, il prossimo esempio riguarda un fusto d’acciaio approvato ONU con coperchio rimovibile, data l’identificazione del tipo di imballaggio ONU “1A2”.

Lo stesso fusto (con coperchio non rimovibile) ha una diversa marcatura ONU – notare l’identificazione “1A2” per un coperchio rimovibile e “1A1” per un coperchio rimovibile – come di seguito:

Quale è la differenza tra gli imballaggi di uso quotidiano e gli imballaggi per merci pericolose?

Gli imballaggi per merci pericolose si differenziano notevolmente dagli imballaggi di uso quotidiano, come le scatole domestiche utilizzate per conservare e trasportare. Ad esempio, ci sono misure specifiche che devono essere prese per garantire che, nel caso in cui un pacco contenente merci pericolose cada da uno scaffale o da un veicolo, la sostanza o i materiali all’interno rimangano sicuri. Devono essere prese precauzioni per limitare la probabilità di danni.

Quali sono le regole per chi viaggia via aerea con batterie al litio?

Quanti dispositivi elettronici contenenti batterie al litio posso portare nel mio bagaglio a mano?

Dal 1° gennaio 2018, i passeggeri possono trasportare fino a 15 dispositivi elettronici portatili (PED) e fino a 20 batterie di riserva nel bagaglio a mano. Sebbene 15 possano sembrare molti, ricorda che le batterie al litio sono utilizzate in più articoli di quanto pensi, inclusi laptop, telefono, orologio, tablet, e-book, lettore DVD portatile, fitness tracker, fotocamera, chiavi della macchina, calcolatrici e utensili elettrici.

Quali sono le regole per portare le batterie di ricambio?

Puoi portare fino a 20 batterie di riserva ma devono essere protette in modo da evitare corto circuiti. È necessario tenerle lontane da oggetti metallici come chiavi o gioielli e isolare i terminali con nastro isolante. Devono essere imballate in modo che non possano muoversi durante il trasporto.

Devo proteggere dai corto circuiti anche le batterie contenute in un dispositivo?

No, le batterie contenute in un dispositivo sono protette da corto circuito perché sono sicure e non possono muoversi durante il trasporto. Assicurati che nessun interruttore o pulsante di accensione possa essere attivato accidentalmente durante il trasporto.

Esiste un limite di dimensione per le batterie che porto con me?

Sì, le batterie devono avere una capacità Watt-ora (Wh) inferiore a 300 Wh. Per trovare la potenza in Watt-ora è possibile guardare sulla batteria stessa o consultare le informazioni fornite con il prodotto o contattare il produttore.